domenica 23 luglio 2017

Lamazuna: beauty a impatto zero novità al Sana 2017

Cosmesi zero sprechi ecosostenibile - Foto dalla pagina Facebook di Lamazuna

Tutto pronto per Sana 2017: il Salone Internazionale del Biologico e del Naturale che si terrà a Bologna dall’8 all’11 settembre. Tra le novità di questa edizione uno dei marchi di eco cosmesi francesi che sbarcherà in Italia: Lamazuna che ha scelto la manifestazione per fare il suo debutto da noi.
Il marchio, cui nome significa “bella ragazza” in georgiano, nasce 7 anni fa dall’idea della sua giovane fondatrice di azzerare la spazzatura derivata dai prodotti in uso per la cura della persona, partendo dal packaging.  Da qui una linea di prodotti beauty zero waste, che colpiscono per l’utilizzo, la versatilità e gli ingredienti biologici, vegan e certificati. 

I cosmetici zero waste Lamazuna sono realizzati con ricette fresche in maniera artigianale e dalla forma accattivante: dentifrici solidi che sembrano lecca lecca, burri corpo che sembrano pasticcini, dischetti struccanti lavabili simili a pancake, ma anche shampoo solido, deodorante e ovviamente contenitori per conservare i propri cosmetici ecobio.

Di marchi di cosmesi ecologici per fortuna negli ultimi anni sono nati tantissimi, è sorto anche una vero e proprio esercito di spignattatrici, ovvero di persone che i prodotti per la cura del corpo e i cosmetici fai da te lo producono a casa, con materie prime prese anche dalla dispensa. Ma anche i marchi noti si stanno piano piano sensibilizzando e prestano maggior attenzione all’INCI (leggi in nostro articolo e scopri come leggere gli ingredienti dei cosmetici).

Diamo ovviamente una nostra valutazione, soggettiva e molto profana, di questa linea di prodotti Lamazuna. Dai siti possiamo capire che i prodotti sono innovativi è vero, accattivanti (ti viene voglia di provare tutto) ma dal prezzo un po' altino: uno shampoo solido 13 euro e un contenitore di vetro con il tappo da 100 ml 5 euro. Tutti gli ingredienti e le ricette sono facilmente riproducibili a casa con pochi euro  (e questo sì che è abbattere gli sprechi), ovvio non tutti hanno la voglia e la pazienza di farlo. Per questo è apprezzabile l’idea e l’attenzione data a ogni prodotto, curato in ogni aspetto: ingredienti, packaging degradabile, e praticità. In più il loro messaggio è proprio in linea con i nostri principi.


Attendiamo di provare personalmente i prodotti per testarne anche la qualità e l’utilizzo quotidiano, nel frattempo vi lasciamo a qualche tutorial e ricetta di cosmesi fai da te per i più temerari e volenterosi di voi.



#Clothesforlove: la tecnologia a servizio della solidarietà

 Clothes For Love - Humana - ecodellecologia
Contenitore abiti usati Humana - Clothes For Love- Fonte facebook

Gli abiti che non usi più diventano un gesto d’amore per chi ne ha bisogno. Questa l'iniziativa di Humana in collaborazione con Unioncamere e Regione Lombardia che in questi giorni ha avviato un nuovo progetto, quello di trasformare la raccolta di vestiti usati in qualcosa di moderno e digitalizzato: Clothes for love.
Un grande cuore rosso dove inserire gli indumenti che non si usano più, dotato di un display computerizzato, ogni donazione corrisponde a un eco gift, ovvero un buono sconto o un buono di benvenuto che permette ai bambini di Chilangoma in Malawi di andare a scuola.

Dona gli abiti usati: un gesto sociale e ambientale

Il progetto #Clothesforlove di Humana nasce per favorire l’alfabetizzazione di questi ragazzi, in Malawi infatti l’80% dei bambini dopo cinque anni di scuola rimane analfabeta, questo perché il sistema scolastico prevede solo un insegnante ogni 100 alunni.
Humana collabora con istituti primari aiutando oltre 80 mila bimbi ad andare a scuola con regolarità, realizzando progetti di formazione di qualità, in ambienti adatti e con risorse idonee, tutto questo per abbattere l’abbandono scolastico.


Donare i propri abiti permette di sostenete questi programmi, oltre ad essere un gesto umanitario è anche un gesto ecologico, sociale molto forte. Donare è ancora più semplice e innovativo grazie a questo nuovo contenitore digitale che mette la tecnologia a servizio della solidarietà.

Close for love è un tour che toccherà diverse città della Lombardia da luglio 2017 a gennaio 2018, e punta a trasformare un gesto semplice di solidarietà e tutela ambientale in qualcosa di più, in un momento di dialogo con il cittadino che contribuisce a incentivare lo sviluppo del proprio territorio.
I buoni infatti sono spendibili per prodotti venduti nelle botteghe ma anche in servizi presso artigiani, piccoli esercenti e riparatori attivi localmente.

Un circolo virtuoso che unisce, progetti, bisogni e conoscenze, un esempio concreto di economia circolare con impatto positivo in termini sociali e ambientali.

Per questo ci piace e ve ne parliamo qui. Per qualsiasi altra informazione visitate il sito ufficiale di Humana.

Ecco dove trovare i contenitori Clothes forlove:

  • Milano – Simply Viale Corsica 21  - Durata: 11 luglio – 29 settembre
  • Varese – Piazza della Repubblica 25 - Da metà settembre
  • Brescia – Simply Via San Zeno 76 - Da metà settembre



Clothesforlove sarà anche a Lecco, Vimodrone (MI) – Centro Comm. Auchan, Como, Pavia,
Concesio (BS) – Centro Comm. Auchan e di nuovo a Milano e a Brescia, le date saranno presto disponibili sul sito.