giovedì 26 maggio 2011

Ricetta gelato vegano senza gelatiera.

ricetta gelato fatto in casa fai da te
Ricetta gelato naturale fatto in casa 

È esploso il caldo e cosa c’è di più piacevole e goloso di un buon gelato. Andare al supermercato o meglio in una gelateria artigianale è sicuramente la soluzione più comoda, ma il piacere di fare il gelato a casa propria è maggiore, soprattutto se possiamo farlo in modo sostenibile, con ingredienti scelti.
Per essere perfettamente green (o per chi non ama le diavolerie tecnologiche), ci avalleremo non della gelatiera elettrica, ma di olio di gomito e tanta pazienza. Il segreto? Un recipiente d’acciaio ben freddo e il tempo giusto perché il gelato si formi senza diventare una lastra di marmo.
Questa è una ricetta vegana e quindi è previsto il latte e la panna di soia, non vengono aggiunte uova per emulsionare, chi desidera può sostituire con latte e panna tradizionale in pari dosi.
La base del gelato è la medesima ma potrete aggiungere ingredienti differenti sbizzarendovi per creare tantissime combinazioni.

Strumentazioni:
  • Ciotola di metallo o alluminio
  • Frusta da cucina
  • Congelatore
  • Spatola o mestolo
  • Setaccio
  • Impegno e pazienza

Ingredienti:
  • 200 Latte di soia, riso o vaccino
  • 200 Panna da soia o tradizionale
  • 100 di "dolcificante" a piacere tollerato (malto, zucchero grezzo...)
  •  1 cucchiaio Amido di mais (maizena)
  • Pizzico di sale fino
  • Frutta, cioccolato, marmellata o qualsiasi altro ingrediente a piacere
Procedimento:
  • Lasciate in freezer per una notte il recipiente di metallo
  • Ponete il latte sul fuoco e unite la panna e lo "zucchero" facendolo sciogliere bene. In questa fase se decidete di realizzare ad esempio il gelato al cioccolato unite al composto liquido circa 80 gr dell’ingrediente scelto e il pizzico di sale. 
  • Il composto risulterà molto liquido, a questo punto aggiungete la maizena a poco a poco con l’aiuto di un setaccio, avendo cura di girare per non creare grumi. Portate in ebollizione e continuate ad amalgamare con la frusta. Togliete dal fuoco e lasciate intiepidire.
  •  Estraete la ciotola dal congelatore e versare il contenuto appena creato, mantecate con la frusta per alcuni minuti e poi ponete in freezer per circa un’ora. 
  • Togliete nuovamente il composto dal refrigeratore e con la frusta o un cucchiaio amalgamate il gelato per rompere il ghiaccio creato e realizzare una crema uniforme.
  • Riponete nuovamente la ciotola nel congelatore e ripetete l’operazione altre due volte aumentando il livello di attesa, fino a ottenere la consistenza desiderata. Tenete in freezer il tutto per una notte prima di servire, avendo cura di mantecare nuovamente appena prima di consumarlo.

L’uso della gelatiera a manovella o elettrica riduce drasticamente i tempi di realizzazione, ma in questo caso non sarebbe un gelato a ridotto consumo energetico :P!
Sostituire o aggiungere un tuorlo d’uovo al composto durante la mantecazione sul fuoco aiuta a rendere il gelato più cremoso. Le ricette e i gusti sono davvero infiniti, qualche idea? È stagione di ciliegie e pesche perché non unirle a pezzettini caramellandole con lo zucchero di canna? Un’idea rinfrescante è l’aggiunta di foglie di menta  e scorza di limone quando il latte è in ebollizione.
Per i più attenti alla linea è possibile sostituire la panna con lo yogurt e lo zucchero con il fruttosio o il malto.

Il nostro preferito è il gelato al marron glacé in pezzi e il vostro? Scriveteci la vostra personale ricetta e mandateci le foto del risultato!

8 commenti:

  1. Davvero un articolo interessante e che ci porta a ritrovare l'artigiano che è in noi, sopito e nascosto da anni di spot e commercio selvaggio
    E' bello ritrovare il gusto ed il piacere di creare qualcosa di bello come un gelato, che fatto con le nostre stesse mani avrà di sicuro il doppio del gusto!
    Tenete presente che nei prodotti commerciali circa il 90% del prezzo è dettato da voci che poco hanno a che fare con il prodotto e molto con la sua commercializzazione (pubblicità, trasporto, confezione..)
    I prodotti e la qualità spesso devono essere contenuti in quel striminzito 10% che per ovvi motivi è basso.. "per non far lievitare i costi!" (lol)
    Perché quindi non riscoprire il gusto ed il gioco di mangiare sano e naturale?
    Di essere noi gli artefici del nostro gusto e di conseguenza del nostro futuro?
    ...

    RispondiElimina
  2. Grazie, per il commento!
    Osservazione giustissima oltre ad avere un sapore totalmente diverso è possibile scegliere veramente gli ingredienti ed essere sicuri della loro genuinità. Inoltre perchè non sfruttare quello che si ha nel frigo? o nella dispensa? questa può rivelarsi un'ottima ricetta di riciclo creativo!
    poi voi mettere la soddisfazione di dire, questo l'ho fatto io?!! impagabile! :P

    RispondiElimina
  3. Che bella ricetta, la proverò sicuramente :)Sara

    RispondiElimina
  4. grazie Sara, poi dicci che gusto hai fatto e com'è venuto!

    RispondiElimina
  5. davvero interessante, però mi sento di dire che forse non è il caso di chiamare vegan una ricetta con lo zucchero, che è un kiler per la ns salute, grazzo o raffinato che sia. Magari con il malto?

    RispondiElimina
  6. Grazie per il commento e per l'osservazione, farò una correzione in quel punto! :)

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per il commento, infatti la ricetta prevede latte e panna di soya e zucchero di canna io dolcificante vegan, poi abbiamo aggiunto anche la variante tradizionale in modo che tutti possano fare il gelato a casa in maniera salutare, con ingredienti scelti e senza gelatiera!

      Elimina

 

Contattaci!

Nome

Email *

Messaggio *

Blog Archive