mercoledì 13 novembre 2013

Festival del Cinema di Roma e LifeGate


Festival del cinema di Roma e Lifegate


In passato vi avevamo parlato del Festival del cinema di Cannes e del suo green carpet, e quest’anno di Mito Settembre in Musica; che ha scelto di dare un impronta più sostenibile alla rassegna, investendo in campagne di eco graffiti e mobilità alternativa.

Gli eventi culturali, anche di grande portata, diventano sempre più green, dimostrando il loro amore per l’arte e per l’ambiente.

Anche il Festival Internazionale del Cinema di Roma che si aperto l’8 Novembre e si concluderà il 17, rinnova il suo impegno ambientale  aderendo al progetto Impatto Zero di Lifegate.
In collaborazione con Ricola sponsor della Kermesse, Lifegate s’impegna a tutelare 1.100.000 mq di foreste del Bolivia e Madagascar per compensare le emissioni di Co2 generate dall'evento.

Il cinema diventa più green


Dopo un calcolo attento dell’impronta ambientale del festival,  che tiene conto di energia, acqua e trasporto utilizzati per l’intera durata dell’evento, Impatto Zero ha stilato un progetto per limitare i danni ambientali e sensibilizzare i partecipanti sui temi ecologici.

Una scelta importante che assume un significato maggiore alla luce del quinto rapporto sul clima del Intergovernamental Pannel on Climate Change, presentato a Stoccolma, che ha evidenziato quanto le attività umane pesino massicciamente sul riscaldamento globale.

Ridurre le emissioni, ma anche adottare stili di vita più sostenibili, devono diventare obiettivi primari di ogni governo, le organizzazioni, aziende e cittadini devono dare il loro aiuto.


Festival del cinema di Roma - ecosostenibilità

Voi cosa ne pensate? È giusto compensare Co2 o è meglio prevenire, adottando soluzioni più sostenibili a monte?
Dateci il vostro parere commentando il post e scrivendoci sulla pagina facebook di Eco dell’Eco.

2 commenti:

  1. Chiaro, sarebbe meglio prevenire, ma trovo positivo che eventi con questa grande visibilità si promuovano anche grazie a iniziative green. È il segno che questo modo di pensare si diffonde pian piano nella società.

    RispondiElimina
  2. Ciao Paolo! grazie per il commento, la penso come te, meglio prevenire ovviamente, ma iniziative del genere soprattutto di eventi di questa portata sono un grande messaggio.

    RispondiElimina

 

Contattaci!

Nome

Email *

Messaggio *