domenica 8 ottobre 2017

Decluttering: il cambio di stagione, come farlo e perché serve


L'autunno è arrivato, non possiamo farci nulla!
Qualche settimana fa, al primo frescolino della stagione, mi sono ritrovata a piangere davanti all’armadio in cerca di qualcosa di caldo e decente da indossare in ufficio, risultato? Crisi isterica, perdita di tempo, abbinamenti strampalati e raffreddore il giorno dopo.
Il mio armadio era un disastro! A portata di mano avevo solo indumenti estivi, vestiti che non avrei mai più messo non solo la prossima estate ma anche MAI, la mattina facevo sempre ritardo e mi sentivo sciatta e poco curata.
Nel mio caso però fare ordine o il famoso e temuto “cambio di stagione” non sarebbe servito a risolvere i miei problemi, perché erano due anni che non trovavo più alcuni maglioni e avevo purtroppo abiti che non mi stavano più bene, consumati e bruttarelli.

Cambio di stagione o cambio di armadio: è tempo di scegliere


Serviva il declutter… che detto in parole nostre è un ripulisti dell’armadio, per ancora più breve una cernita sistematica di tutto il contenuto e la selezione degli indumenti.

La spinta mi è stata data da Valentina dell’Angolo del Focolare, una youtuber che adoro e che seguo da tantissimo tempo. Valentina ha creato un gruppo su Facebook dedicato al Guardaroba Capsula e un mini corso fatto benissimo che vi consiglio vivamente di seguire, se non altro per la positività che emana la Vale.

Selezione dei vestiti: metto davvero queste cose?

Il mio piano d’azione è stato fulmineo e istintivo: ho aperto l’armadio ho tirato fuori tutto e ho invaso il letto e il pavimento di abiti, grucce e accessori. Mio marito a momenti sveniva dalla paura, ma prima o poi dovrà farlo anche lui e allora riderò un sacco.
Con l’armadio vuoto ho potuto pulire l’interno, ritrovare i vestiti persi che erano caduti dalle grucce e si erano stratificati sul fondo, facendo il posto per i vestiti di stagione e quelli che volevo tenere.
Ho esaminato i capi, mettendo nei sacconi da donare quelli in buono stato ma che non mettevo da tempo, selezionando quelli rotti o consumati da differenziare.
Ho controllato anche negli scatoloni che avevo sul fondo del guardaroba, selezionato anche quelli in modo da fare spazio e riporre con maggior cura tutto.
Una volta scelto gli abiti da tenere ho messo a lavare il dovuto, perché una rinfrescata fa sempre bene!
Grazie a questo drastico impulso ho potuto fare spazio per la stagione nuova e spostare tutti i capi estivi nella parte alta, riporre lontano dalla polvere i costumi e gli abitini freschi salutandoli.


Tutto in vista: prossimo passo guardaroba capsula


Ora è tutto visibile e a portata di mano, non ho più grucce pesanti e ingombranti vuote che occupavano spazio, vestiti stratificati su un solo ometto, e posso scegliere meglio e più velocemente.

Questo è il primo passo verso la vera e propria costruzione del guardaroba capsula, che però riservo alla prossima puntata e hai consigli di Valentina L’angolo del Focolare.

Leggi in nostro articolo su Humana e su dove donare gli abiti che non usi più!

0 commenti:

Posta un commento

 

Contattaci!

Nome

Email *

Messaggio *