martedì 5 aprile 2011

L’aperitivo sostenibile a Milano: Happy hour …happy planet!


Le giornate si allungano e la voglia di sfuggire dalla routine lavorativa aumenta? Organizzare un bel happy hour con i colleghi o gli amici diventa sempre più frequente. Perché non fare di questo rito della Milano da bere un po’ consumistico e frivolo un’occasione di condivisione e consapevolezza dei temi ambientali e della sostenibilità? La campagna lanciata da Fratelli dell’uomo, con il sostegno della Fondazione Cariplo ha un nome chiaro ed evocativo: Happy hour …happy planet! Una lista di bar, birrerie e pub che aderiscono a una precisa missione; quella di contenere le emissioni, la produzione di rifiuti, il consumo di energia elettrica e salvaguardare le risorse naturali. Come? Attuando piccole ma importanti accortezze. 
Alcuni esempi: l’utilizzo di lampadine a risparmio energetico, a led o semplici candele. Effettuare una corretta raccolta differenziata, spesso, infatti, i locali pubblici non prestano molta attenzione a ciò che rimane nel piatto e che viene gettato in modo indifferenziato nel saccone generico. L’adozione di un menù bio o a km 0, consumare prodotti senza troppi passaggi e trasporti permette un risparmio dei costi e minori emissioni di sostanze inquinanti. Accorciando la filiera aumenta la freschezza e il gusto. Perché buttare stoviglie e piatti? Meglio scegliere quelli riutilizzabili o realizzate in sostanze riciclate.
I trucchi per la buona riuscita di un aperitivo sostenibile e gustare ottimi cocktails a Km 0 sono tanti, così come le occasioni per accrescere le proprie conoscenze sul tema e non, con mostre, proiezioni e giochi interattivi organizzati dall’Istituto europeo di design. Cliccando qui potrete conoscere l’elenco dei locali che aderiscono all'iniziativa. Ricordate però che per essere davvero “green” bisogna arrivare al locale rigorosamente in autobus o in tram.

Vuoi degustare piatti e prodotti all’insegna della tradizionale genuinità, l’aperitivo contadino è quel che fa al caso tuo! Nostrale e il Circolo Arci Biko hanno organizzato per tutto il mese scorso happening tra teatro e golose specialità agroalimentari del territorio. Per chi si è perso le serate, in attesa delle prossime edizioni, perché non replicare l’idea a casa propria, magari in terrazzo a lume di lanterna. I cibi da proporre? Quelli acquistati dalle aziende agricole del Parco Agricolo Sud Milano. Formaggi, salumi  nostrani e ottimo vino contadino dell’Oltrepò Pavese. Trovi spunti per la tua spesa a km zero anche visitando il sito di campagna amica, troverai l’elenco dei 705 farmer market distribuiti nel territorio e riconosciuti da Coldiretti. 

Per chi ha poco tempo e non è riuscito ad aggiudicarsi prelibatezze salutari, ideare un menù improvvisato altamente eco sostenibile è possibile. Svuota il frigo, e scatena la fantasia con ricette di recupero sfiziose e inaspettate! 
Non ci resta che dire…cin cin, buon aperitivo a tutti!

0 commenti:

Posta un commento

 

Contattaci!

Nome

Email *

Messaggio *

Blog Archive