domenica 8 gennaio 2017

Ricette detox di stagione: i carciofi

ricetta carciofi

Dopo le feste e le grandi abbuffate del periodo il nostro corpo ha bisogno i disintossicarsi con dei piatti più leggeri. 
Il mese di gennaio regala alle nostre tavole una verdura di stagione preziosa per il nostro organismo, il carciofo, dalle proprietà disintossicanti e purificanti soprattutto per il fegato.

Le ricette con i carciofi sono tantissime e variano di regione in regione, da sud al nord  Italia, così come anche le varietà che popolano i nostri mercati, dai carciofi mammola senza spine tondi tipici laziali, a quelli toscani più piccoli, fino ai saporiti ma molto spinosi carciofi sardi.

Come pulire i carciofi

ricetta carciofi
Come pulire i carciofi

Pulire i carciofi può essere un’operazione antipatica soprattutto quando si maneggiano le varietà più spinose, infatti, le spine, una protezione naturale della pianta si trovano sia all’esterno e in alcuni casi anche all’interno più sottili e trasparenti. Per pulire un carciofo senza pungersi basterà adottare alcuni accorgimenti, ad esempio adoperare dei guanti spessi, per evitare anche di macchiarsi le mani di nero, sostanza rilasciata dai carciofi che tende a ossidarli, un coltellino affilato, e un pelapatate.

Utile anche una bacinella di acqua e limone abbondante, per immergerli ed evitare appunto l’annerimento. Tagliate le foglie esterne più grosse e coriacee, partendo dalla base fino all’estremità, eliminate la barbetta esterna, a volte filamentosa e amara, sfilate le foglioline esterne più dure e infine, pulite il gambo, ottimo da mangiare anche crudo con l’aiuto di un pelapatate, per eliminare la parte esterna.

Ma cosa fare dello scarto e delle foglie più dure? Ci sono alcune ricette zero sprechi per sfruttare al meglio tutto il carciofo, senza buttare nulla. Eccone alcune.

Decotto di carciofo

decotto detox carciofi
Il decotto di carciofo è molto purificante 

Con le foglie esterne ben lavate e i filamenti dei gambi, possiamo fare un decotto di carciofo, da bere come digestivo a fine pasto. Basterà immergere in acqua calda gli scarti della pulitura del carciofo, lasciare bollire per 10 minuti, spegnere la fiamma e inserire all’interno un po’ di scorza di arancia biologica. Lasciare intiepidire e filtrare il tutto in un colino.  La bevanda detox al carciofo è molto amara, potrete dolcificare a piacere e aggiungere un’arancia spremuta, sorseggiandolo tiepido o fresco. Il decotto si conserva in frigo per alcuni giorni.

Salsa alle foglie di carciofo

cucinare i carciofi
Salsa ai carciofi - una ricetta di recupero sfiziosa

Nel caso vi siano avanzate delle foglie un po’ dure di carciofo potrete usarle per realizzare una salsa da accompagnare con dei crostini oppure per condire riso o pasta.
Dopo aver eliminato con cura le spine e lavato accuratamente le foglie, fatele rosolare con aglio e olio in una padella. Aggiungete un po’ di acqua salata o brodo vegetale e lasciate cuocere per alcuni minuti. Una volta cotte le foglie togliete l’aglio, aggiungete a piacere prezzemolo fresco e frullate il tutto con l’aiuto di un mixer o frullatore a immersione. La vostra salsa di carciofi può essere arricchita con ricotta o formaggio morbido.

Carciofi arrosto

Uno dei modi per cucinare i carciofi e buttare via il meno possibile è quello di montarli sommariamente e cuocerli al forno interi. Potrete spennellarli con aglio tritato e olio a metà cottura, o cuocerli al cartoccio. Una volta cotti il commensale provvederà a sfogliarli da sé. Questa ricetta prevede l’utilizzo di carciofi tondi romani, quelli più teneri e poveri di spine.


Sbizzarritevi con tante ricette con i carciofi, cucinandoli come vi piace, facendone risotti, contorni caldi o freddi, oppure preparando insalate di carciofi crudi ricche di vitamine, utili per affrontare al meglio questa stagione.

0 commenti:

Posta un commento

 

Contattaci!

Nome

Email *

Messaggio *

Blog Archive