mercoledì 30 novembre 2011

Cucinare nella lavastoviglie: Pazzia o innovazione?

Libro Cucinare in lavastoviglie di Lisa Casali

Di questo rivoluzionario metodo di cottura a bassa temperatura si è parlato molto. Per chi non ne avesse mai sentito parlare ecco in breve di cosa si tratta.
Il calore sviluppato da un ciclo di lavaggio in lavastoviglie può essere utilizzato per cuocere i cibi, basterà munirsi di contenitore in vetro a tenuta stagna, sacchetti ermetici per alimenti e il gioco è fatto! Ogni ciclo di lavaggio una ricetta in base alla temperatura sviluppata dall’elettrodomestico. Ingegnoso vero?

Sfruttare in modo intelligente l’energia e cucinare in maniera sostenibile. I vantaggi sarebbero anche dal punto di vista nutritivo, una temperatura minore conserva tutte le proprietà dei cibi, vitamine, sali minerali, proteine.
Lisa Casali ha scritto un libro che sarà presentato domani allo spazio Valcucine di Milano, il titolo: “Cucinare in lavastoviglie”. Gusto, sostenibilità erisparmio con un metodo rivoluzionario.
Il volume è un vero e proprio manuale per imparare l’arte della cottura in lavastoviglie, 15 menù suddivisi per cicli di lavaggio, pietanze sopraffine dall’antipasto al dolce.
Barattolo ermetico in vetro.
Avevamo accennato qualche informazione su questa tecnica in occasione dell’incontro tenuto a Kuminda alla Cascina Cuccagna, non avevamo approfondito l’argomento anche se da subito curiosità e tanta perplessità ci accompagnava.
Abbiamo provato a cercare notizie e testimonianze e trarre le nostre personali considerazioni.

Qualche perplessità
Ma i cibi cotti a bassa temperatura, ad esempio carne e pesce, sono sicuri? Il detergente non contamina il sapore? Per quante persone posso cucinare? Che reale risparmio si ottiene?
Diciamo che le domande in merito sono tante, considerando la nostra famiglia di 3-4 persone, cucinare con questo metodo ci sembra una missione impossibile perche?
  1. Utilizziamo la lavastoviglie sempre a pieno carico.
  2. Preferiamo il ciclo di lavaggio ecologico, temperatura bassa.
  3. Mettiamo in azione l’elettrodomestico di sera e nelle fasce consigliate.
Questi 3 fattori compromettono la sperimentazione, perché o riempiamo la lavastoviglie di piatti o di barattoli con le leccornie e poi dovremo cenare molto tardi.

La nostra ricetta
Diciamo che per ora pensiamo che la cottura di questo tipo sia adatta solo in un caso, a lavastoviglie spenta possiamo infilare furtivamente un barattolino con qualche quadratino di cioccolato, un biscotto sbriciolato, un po’ di latte. Alla fine non avrete un menù a 5 stelle ma uno spuntino goloso sì!
Per gli altri dubbi, e le domande invitiamo ad assistere all’evento di domani.

Ecco tutti i riferimenti:
Giovedì 1 dicembre 2011 ore 19.00
Eco Bookshop Valcucine,
Corso Garibaldi 99, Milano.

Fateci sapere le vostre opinioni e se avete provato qualche ricetta!!

0 commenti:

Posta un commento

 

Contattaci!

Nome

Email *

Messaggio *

Blog Archive