venerdì 13 settembre 2013

Come fare la raccolta dell'umido?

bidoni per la raccolta dell'umido - Amsa
Nuovi bidoni per la raccolta dei rifiuti organici

Aggiungiamo un nuovo colore alla raccolta differenziata

Eccolo lì, piccolo marroncino e discreto; da qualche mese è arrivato nelle nostre case, in ritardo rispetto alle alter regioni e città italiane che lo avevano adottato da molti anni, sto parlando del bidoncino dell’umido.

Siamo abituati alla raccolta differenziata: vetro, plastica, carta, alluminio, la facciamo assiduamente a casa e in ufficio, poco per le strade, ma ormai stiamo diventando bravi in Italia a differenziare e riciclare questi materiali, ma i rifiuti organici?

Il compostaggio è da sempre una pratica adottata all'estero, nelle campagne e nelle case di chi ha un giardino o un orticello, in città però devo dire che ha suscitato non pochi problemi, tra gente confusa e a volte per ignoranza schifata.

A Milano, faccio quest’esempio perché mi tocca di persona, è iniziata la sperimentazione che gradualmente toccherà la totalità dei cittadini, il sito dell'Amsa ha pubblicato i dati dei primi 5 mesi: sono state raccolte già 26.000 tonnellate di rifiuti organici biodegradabili con un aumento del 67% rispetto al 2012*.

Differenziare i rifiuti organici da quelli secchi
Differenziare i rifiuti organici da quelli secchi - Foto ilcontiintasca.blogspot.com

I vantaggi sono tangibili per l’ambiente, infatti, non c’è cosa peggiore che mischiare sostanze organiche con plastica e altre sostanze secche non riciclabili perché ad esempio sporche, è una vera bomba ecologica.
I rifiuti organici grazie al processo di compostaggio da origine al compost di qualità utilizzato in agricoltura o nella florovivaistica come concime.


Ridurre i rifiuti alimentari: azzeriamo gli sprechi

La raccolta dell’umido inoltre ci fa riflettere su quanto sprechiamo e ci sfida a ridurre i nostri rifiuti, da quando abbiamo iniziato stiamo molto più attenti a quello che gettiamo e cerchiamo di ridurlo con tutti gli accorgimenti di decrescita e riutilizzo degli scarti alimentari di cui via abbiamo parlato.

Ma cosa va nel bidone dell’umido? A volte i dubbi rimangono:

  • Scarti di frutta e verdura comprese parti legnose ex i noccioli.
  • Scarti domestici di carne e pesce, gusci d’uovo
  • Riso, pasta e farinacei
  • Alimenti scaduti privi di confezioni
  • Semi, fiori recisi
  • Fondi di caffè e te
  • Fazzoletti usati sporchi di cibo

Mentre non vanno gettati nel bidone dell'umido: liquidi, olio, mozziconi di sigaretta e carte alimentari, assorbenti e ovviamente tutte le confezioni degli alimenti.
Importante inoltre utilizzare solo sacchetti biodegradabili e non quelli in plastica per la raccolta dell'umido.

*Fonte dei dati dal sito AMSA 


Foto - cambieresti.it

PULIamo: ad aiutarci ci pensa una App per tablet e smartphone

Potete trovare l’elenco completo delle sostanze organiche da gettare nel bidone dell’umido sul sito dell'Amsa a questo link, è stata ideata anche una App per smartphone e tablet che si chiama PULIamo.



Voi la fate la raccolta dei rifiuti organici? Avete qualche dubbio o domanda? Scriveteci sulla nostra pagina facebook o all’indirizzo ecodelleco@gmail.com .

2 commenti:

  1. Ciao Antonella, qui a Cagliari la raccolta dell'umido si fa già da qualche anno, ormai mi sono abituata bene! C'è chi dice però che parte della raccolta differenziata sia fasulla, perché non sempre le città sono attrezzate con i giusti impianti di riciclo... tu che ne pensi?

    RispondiElimina
  2. Ciao Pirichita, grazie per il commento. Devo dire che quando sono venuta in Sardegna in vacanza ho notato piacevolmente che voi siete bravissimi e molto diligenti, se si sbaglia secchio e si fanno errori gli operatori ecologici non ritirano i rifiuti! Un incentivo in più per fare la differenziata e l'umido. Non so se davvero tutte le città o i comuni sono efficienti da questo punto di vista ma ho trovato questo articolo forse può interessarti riguarda proprio la Sardegna: http://www.ediliziaurbanistica.it/pf/widget-news/33487/Sardegna-raccolta-differenziata-2-milioni-per-i-nuovi-ecocentri-

    RispondiElimina

 

Contattaci!

Nome

Email *

Messaggio *

Blog Archive